VELLETRI (RM)


Velletri, l'ultimo dei Castelli Romani che raggiunge la Via Appia, si adagia tra castagneti e vastissimi vigneti sulle falde del Monte Artemisio. Centro grande e popoloso, dalle antiche tradizioni e dalla storia millenaria, è famoso per le cantine e i vini prelibati. Al tempo dei tempi, secondo la leggenda, l'oracolo sentenziò: " Un cittadino veliterano si impadronirà del mondo". E pare che la profezia si avverò: infatti la volsca Velester, dopo aver combattuto lungamente contro Roma e dopo essere stata sottomessa nel 338 a. C. da Furio Camillo, divenne fedele all'Urbe e diede i natali alla Gens Octavia da cui discende l'imperatore Ottaviano Augusto. Posta, alla fine del VI secolo, sotto la giurisdizione del Ducato di Roma, rivendicò già nel XII sec.la sua autonomia, diventando libero Comune, come documenta nel suo stemma il motto " Est mihi libertas papalis et imperialis". Per molti secoli fu feudo della Chiesa , Sede Vescovile dal V secolo e capoluogo della Provincia marittima.