Roma
"Ponte Milvio Antiquariato"

Tutte le Domeniche

Ponte Milvio Antiquariato è una manifestazione socio-culturale-commerciale che vede protagonista il più importante e selezionato mercato dell’antiquariato della Capitale; rappresenta da più di vent’anni una vera e propria tradizione ed un riferimento per i cittadini, i commercianti e gli abitanti del centro Italia.

Si sviluppa, partendo dal lato destro del Ponte, lungo la via Capoprati, sulla golena del fiume Tevere fino al ponte Duca D’Aosta, parallelamente alla pista ciclabile.

Lo scenario dello sfondo, con il verde degli alberi, lo scorrere dell’acqua e la vista di alcuni degli scorci più belli di Roma, rende la manifestazione uno spettacolo unico nel suo genere.

Da più parti d’Italia, qualificati operatori del settore: antiquari, rigattieri, collezionisti, cultori di oggetti d’arte e d’epoca, restauratori, si radunano per esporre i loro pezzi migliori, frutto di una continua, instancabile, appassionata e sapiente ricerca su tutto il territorio nazionale e anche estero.

Ci si può incantare ore e ore tra ingiallite locandine cinematografiche e vinili degli anni Settanta, come tra monili di inizio secolo o di etnie lontane.

Sono tutti oggetti che stimolano a fantasticare viaggi nello spazio e nel tempo e che fanno la gioia di qualsiasi scenografo e costumista, cinematografico o teatrale che sia. L’introvabile, l’impensabile, la meraviglia è tra questi banchi.

Tutte le Domeniche dalle 9.00 alle 19.00
Via Capoprati da Ponte Milvio a Ponte Duca D'Aosta

Roma
"Ponte Milvio Antiquariato"
Tutte le Domeniche

Contatti

Tel
06.84080119 - 334.3303829

mail
pontemilvioantiquariato@gmail.com

Ponte Milvio Antiquariato
FB - WEB

come arrivare
Mappa


Le informazioni relative agli eventi riportati in queste pagine sono state fornite dagli organizzatori, da simpatizzanti o reperite su internet; noi ci limitiamo soltanto a segnalarvele, ma non siamo responsabili di eventuali modifiche delle date, orari e contenuti dell'evento.

Vi invitiamo, prima di partire, a contattare i comuni o le strutture competenti.