Itinerari a piedi Rioni Musei
Ville Ostia Lazio

Roma - I Rioni Storici

rioni.jpg (28777 byte)

I rioni di Roma rappresentano il legame profondo che unisce i romani alla loro storia popolare, alle caratteristiche dialettali ed alle usanze cittadine. Il loro nome deriva storicamente dalle 14 regiones in cui l'imperatore Augusto divise la città. Nel corso dei secoli il loro numero è mutato seguendo, attraverso accorpamenti e sdoppiamenti, lo sviluppo e le sorti politiche della città, fino alla suddivisione attuale, che risale al 1921.

Gli stemmi araldici, assegnati ai diversi rioni con la riorganizzazione del 1744, sono ancora oggi visibili, accanto a qualche antica targa con disposizioni amministrative, agli angoli di molte vie del centro. Degli odierni 22 rioni, 19 sorgono ad est del Tevere e 3, Trastevere, Borgo e Prati, a ovest.

Borgo

Sorto sullo sviluppo di un crescente insediamento legato alla presenza degli edifici sacri della cristianità, è stato anche quello che, proprio in virtù delle vicende vaticane, ha subito le maggiori trasformazioni urbanistiche.

Campitelli

Dà il nome all'omonima piazza; è il più centrale dei rioni e comprende anche il Campidoglio.

Campo Marzio

Anticamente ospitava molti edifici monumentali. Il Pantheon è l'unico giunto a noi intatto.

Celio

Questo rione, che porta il nome dell'omonimo colle, è nato nel 1922 dal rione Campitelli. È caratterizzato da giardini, orti conventuali, e dalla presenza di numerosi monumenti antichi, tra i quali spicca la maestosità del Colosseo.

Esquilino

Nell'antichità fu un rione residenziale sin da quando Mecenate vi costruì i propri horti.

Nel medioevo ospitava esclusivamente i luoghi legati al primitivo culto cristiano.

Dalla fine del '500 la costruzione della Basilica di Santa Maria Maggiore ha costituito un punto di riferimento per lo sviluppo urbanistico di Roma.

Monti

Nell'antichità l'area era occupata dalla Suburra, il quartiere dela plebe. L'apertura di via Cavour e di via Nazionale nel 1800 ne hanno profondamente modificato l'aspetto.

Parione

Nonostante gli interventi barocchi e ottocenteschi mantiene un'impronta medievale con la sua intricata rete di stradine.

Pigna

Prende il nome dalla pigna bronzea, forse una fontana, che Dante avrebbe visto davanti all'antica basilica di San Pietro, ritrovata verso l'attuale via del Seminario.

Ponte

Era il nome della piazzetta, distrutta con la creazione dei muraglioni del Tevere, che, congiunta a ponte Sant'Angelo, rappresentava l'unica via di accesso ai borghi vaticani.

Regola

I due assi viari che caratterizzavano il rione erano via della Regola (da piazza Farnese al Tevere) e via dei Pettinari (da ponte Sisto a Campo de' Fiori). Nel rione ha ancora sede il Monte di Pietà.

Sant'Angelo

È il più piccolo dei rioni e fu scelto da Papa Paolo IV, nel 1555, quale sede del Ghetto. Ancora oggi è caratterizzato dalla presenza della folta comunità ebraica romana.

Sant'Eustachio

Dal '500 il rione, sorto sull'area delle antiche terme di Agrippa e di Nerone, fu caratterizzato dalla presenza dei Medici. Basti pensare a Palazzo Madama che nel '700 fu sede di numerosi servizi amministrativi.

Testaccio

Prende il nome dal monte dei Cocci che fu creato dall'accumulo degli scarti dei vasi (textae) dell'insediamento annonario in epoca romana. Qui si possono gustare molti piatti tipici romani (pajata, trippa, animelle) legati alla presenza del Mattatoio, ora destinato ad altre funzioni.

Trastevere

Quattordicesima ed ultima delle regiones augustee, allora denominata trans Tiberim, si caratterizzò sin dalle origini per le sue connotazioni popolari e commerciali, che trovano ancora oggi ampi riscontri.

Colonna

Sorto sulle antiche strutture di Roma, tra il Pantheon e la Colonna di Marco Aurelio, il cuore di Roma gravita intorno ai grandi palazzi Capranica, Chigi, Fiano, Montecitorio ed è attraversato da Via del Corso.

Trevi

Nato nel 1743, il suo nome deriva da trivium, dato che nel Medioevo era lo sbocco di 3 vie. In seguito divenne feudo della famiglia Colonna e terra di giardini rigogliosi con gli splendidi palazzi Barberini e Quirinale. Nella seconda metà dell'Ottocento subì sventramenti per la costruzione di via del Tritone e via Nazionale. Ma il rione è famoso soprattutto per la celeberrima Fontana di Trevi.

Ripa

Il rione Ripa, nato nel 1921 da Testaccio e San Saba, comprende l'Aventino,la Valle Murcia e l'Isola Tiberina, cioè le zone legate alla nascita stessa di Roma. L'Aventino, quartiere plebeo della Roma antica, è diventato nel tempo una rinomata zona residenziale.

Ludovisi

Sallustiano

Sorto sulla lottizzazione delle ville intorno agli Horti Sallustiani, questo rione ha assunto un variegato aspetto di zona residenziale, commerciale e monumentale nel misto di moderni palazzi, tratti di antiche mura e chiese, fra le quali spicca il gioiello barocco di S. Maria della Vittoria.

Castro Pretorio

San Saba

Soprannominato il Piccolo Aventino, questo rione ha ampi spazi verdi sui quali domina il maestoso e suggestivo scenario delle Terme di Caracalla.

Prati

È il rione più giovane di Roma. Sorto nella zona denominata Prati di Castello, ricca di verde e di osterie e collegata strettamente al Tevere, a partire dal 1888 (anno di costruzione del Palazzo di Giustizia, noto come Palazzaccio) ha subito grandi lavori edilizi. Oggi è una rinomata zona residenziale.